Come è fatta e come lavora la MACCHINA CIRCOLARE SEAMLESS?

Le macchine seamless nascono in Italia, da un’evoluzione tecnologica delle macchine circolari per calzetteria.

La lavorazione ottenuta da queste macchine è infatti un tessuto a maglia in forma tubolare. Questo può essere impiegato in confezione tale e quale, per ottenere indumenti senza cuciture sui fianchi, oppure tagliato in piano.

parte superiore della macchina SEAMLESS

A differenza del tessuto classico, composto da due elementi (trama e ordito) che si intrecciano fra di loro, nel tessuto a maglia si ha un solo elemento che lavora su se stesso, immagliando cioè ciascun rango con il precedente e con il successivo.

Vengono utilizzate anche macchine circolari a grande diametro caratterizzate da una elevata produzione.

La lavorazione base può subire numerose modificazioni, in modo da ottenere intrecci, effetti e disegni, a seconda della diversa impostazione dei parametri di lavorazione (modifica della selezione degli aghi, del ciclo di immagliatura).

Nelle macchine circolari per maglieria in trama gli aghi, disposti su una circonferenza, si muovono individualmente e sono in grado di prendere il filo automaticamente (lavorazione a maglie raccolte).

I fili sono alimentati trasversalmente agli aghi come la trama nella tessitura tradizionale.

elementi elettronici per il controllo attivo della tensione del filo

La macchina circolare per maglieria è costituita dalla seguenti parti:

  • Basamento; costituisce la struttura portante dell’intera macchina.
  • Fronture; le macchine possono essere monofrontura o bifrontura. Per le macchine bifrontura sono a forma una di disco e l’altra di cilindro e fanno da supporto e da guida agli aghi.
  • Sistema di immagliatura; parte mobile munita di camme per determinare i movimenti di salita e discesa degli aghi. La forma circolare delle fronture permette di collocare sulla stessa macchina molti sistemi di immagliatura.
  • Sistema di alimentazione fili; le rocche di alimentazione sono poste sull’incastellatura superiore della macchina o su una cantra laterale; prima di arrivare agli aghi il filo segue un percorso piuttosto lungo attraverso regolatori di tensione e dispositivi di arresto in caso di rottura del filo.
  • Sistema di tiraggio del tessuto; il tiraggio è ottenuto mediante una coppia o una terna di rulli, dopo i quali il tessuto si avvolge su un apposito rullo
sviluppo tessile del tubo nel cilindro

Principali vantaggi della tecnologia SEAMLESS:

– Meno cuciture e meno forature dei tessuti che costituiscono punti di rottura

– Costi energetici inferiori

– Produzione personalizzata e disegno jacquard indelebile

– Campionatura e messa a punto dei capi più agevole

– Possibilità di passare da un filo ad un altro senza cucitura

– Elasticità estrema

– Traspirabilità migliorata dovuta all’accoppiamento intimo di due o più filati tecnici

– Possibilità di realizzare fori indemagliabili

– Evoluzione di applicazione infinita.

Una risposta a “Come è fatta e come lavora la MACCHINA CIRCOLARE SEAMLESS?”

  1. Franco

    Grazie mille per l’articolo.
    Era da un bel po’ di tempo che volevo capire di cosa si trattasse il seamless e come si produce.
    Molto interessante, compliment

Unisciti alla conversazione

Cerca su www.riday.it

Login

Crea un Account

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.

Recupero Password

Hai dimenticato la password? Inserisci il Nome Utente o l'Indirizzo Email. Riceverai un link via email per creare la nuova password.

CARRELLO (0)